Atletico Foligno in campo domenica, le ragazze: “Vogliamo rimanere in Serie A”

Atletico Foligno in campo domenica, le ragazze: “Vogliamo rimanere in Serie A”

Domenica 4 Febbraio ore 16, al Palapaternesi l’Atletico Foligno affronterà in casa il CF Pelletterie in uno scontro “dentro o fuori” per restare nella massima serie.

Una domenica di futsal, non certo come le altre; le giovani atlete della squadra femminile folignate vorranno continuare a dire la loro nel calcio (a cinque) che conta: ma “c’è bisogno di tutto il supporto che la città può darci”, parola della presidente Maria Serena Piorico.

“Foligno ha l’opportunità di vivere una realtà sportiva di serie A, ci teniamo a dire che veniamo da qui. Quella di domenica sarà una partita-chiave, alle ragazze serve tutto il morale possibile”.

Il 26 aprile del 2022 la Serie A italiana femminile di calcio a 11 entra nel mondo del professionismo, ma le realtà locali – lontane dai riflettori – devono fare i conti con obblighi societari serrati; senza beneficiare, beninteso, delle entrate economiche necessarie a mantenere titolo e blasone. “Le cifre che possiamo investire” continua Piorico “si aggirano intorno ai 70-80mila euro annui, mentre i top club del nostro campionato arrivano a spenderne anche 400mila. Facciamo parte della lega nazionale dilettanti, ma le regole sono ferree. Un esempio? Siamo obbligate a mantenere un settore giovanile, abbiamo un bel gruppo under 15 ma ci sono conti da far quadrare”. Con 350 abbonamenti venduti lo scorso anno, l’Atletico Foligno fa dell’autopromozione e del volontariato un caposaldo della propria gestione.

“Ci aspettavamo un’attenzione diversa da parte degli sponsor, è un peccato perché la squadra rappresenta il brand cittadino ad alti livelli”.

Che il gioco proposto dalle calciatrici di Maria Serena azzeri le distanze culturali (e kilometriche) – promuovendo Foligno nel mondo – lo prova il tesseramento di Nanako Harakawa, talentuosa atleta nipponica arrivata quest’estate dalla terra del Sol Levante. “Non avendo a disposizione grosse cifre per il mercato – continua – ci affidiamo agli osservatori, che viaggiano in cerca di giovani promesse”.

Video

Il messaggio è forte e chiaro: alla squadra serve che la cittadinanza ricambi la passione col tifo, il sudore col supporto, le vittorie con gli applausi. Non meno, in tutta onestà, di quanto serva alla città quell’attenzione mediatica che l’Atletico Foligno ha saputo catalizzare a suon di meriti sportivi. Per usare le parole della vicepresidente Giulia Iavarone, “se non verrete a vederci, vi perderete quello che accadrà in campo”.

Perché rischiare? #iotifosoloatleticofoligno