Il Frecciarossa passa per Creti: Il ministro Lollo ha prenotato la fermata

Il Frecciarossa passa per Creti: Il ministro Lollo ha prenotato la fermata

Ormai sembra deciso. La moderna stazione che servirà ad agganciare la linea ad Alta Velocità e che prenderà il nome di Medioetruria, verrà costruita a Creti, una frazioncina vicino Terontola. La presidente Tesei ha seguito tutti i vari passaggi dando l’ok definitivo.

Già l’ex assessore regionale Giuseppe Chianella aveva individuato Creti come soluzione ideale per collocare lo scalo ferroviario di Medioetruria. Ed ora anche l’assessore sloggiato Enrico Germini Melasecche, ha messo il sigillo su questa decisione. Dunque fra qualche tempo a Creti si potranno agganciare i Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca per raggiungere il Nord e il Sud della Penisola.

E mentre si consuma questa decisione, definita da molti assurda, la ferrovia Orte Falconara ha festeggiato più di un secolo e mezzo di vita. Una trasversale che da tempo memorabile attende il raddoppio che, questo sì, determinerebbe davvero lo sviluppo dell’intera regione visto che Roma potrebbe essere raggiunta in meno di un’ora e un quarto. Stessa cosa se si fosse realizzato anche l’ammodernamento della Foligno-Terontola, che avrebbe assunto il ruolo di metropolitana di superficie. Invece di puntare su questa parte centrale del Cuore verde i piani regionali stanno spostando il baricentro ferroviario verso il nord, facendo sfumare così l’ipotesi di una fermata dei supertreni nel luogo naturale che è Foligno che rimane comunque il nodo ferroviario più importante dell’intera regione.

Ed è a questo punto che ci chiediamo: se per l’Alta Velocità si passa per Creti, i passeggeri e l’assessore, per come passano? A proposito, il ministro Lollo pare abbia già prenotato una fermata.